Top

progetto

obbiettivo espressivo è di inserire questo piccolo edificio, sorta di townhouse allineata su strada, nel solco della tradizione costruttiva milanese, cercando nel tardo razionalismo italiano, con particolari riferimenti al cosiddetto “professionismo colto”, gli elementi ispiratori e di controllo del disegno architettonico.

Il fronte su strada, rivestito in lastre di Ceppo di Grè è caratterizzato dalla presenza regolare di quattro portefinestre per piano, scandite dalla linea della soletta dei balconi e impreziosite da una balaustra in vetro e da pannelli in composito di legno, regolabili e sovrapponibili per l’ ottimizzazione della protezione solare e della privacy.

Al piano terra, sempre rivestito in ceppo, il legno è protagonista, rivestendo il portone del passo carraio e la vetrina del locale multifunzionale.

In copertura è previsto un rivestimento realizzato con laminati di alluminio di colore grigio chiaro. Sul retro i materiali e le finiture sono gli stessi della facciata su strada. Qui il legno composito viene utilizzato per filtrare il corpo scala, utilizzando gli stessi elementi dei pannelli di protezione solare presenti nella facciata di via Nöe.